Guida linkedin: Come generare contatti usando LinkedIn

Guida linkedin per professionisti

Guida linkedin per professionisti

 

Benvenuto in questo articolo della serie Guda linkedin ! oggi parliamo di come aumentare il numero dei contatti !

In questi ultimi anni, LinkedIn è cresciuto fino a raggiungere e superare la quota di 100 milioni di utenti iscritti in tutto il mondo mondo. Anche in Italia sta crescendo a ritmi sempre più incalzanti ma non tutti i suoi utenti lo usano in maniera corretta.

In tanti considerano la piattaforma come un semplice sito dove inserire il proprio curriculum vitae aspettando che qualcuno li noti. Ma LinkedIn è ben altro! LinkedIn è una piattaforma straordinaria per generare contatti a carattere professionale, trovare clienti, fornitori e partner.

Ma come si fa a generare contatti?

Come social network si basa e cerca di sfruttare al meglio la teoria dei sei gradi di separazione. Il suo presupposto è che ogni persona è connessa ad un’ altra da non più di 6 gradi di separazione.

In altre parole, in base a questa teoria, su questa terra, tutti possono connettersi con qualcuno semplicemente usando la propria rete di contatti e chiedendo di essere presentati a qualcuno. Ogni persona che ti presenta un suo amico/conoscente rappresenta in questo modello un livello di separazione. Attraverso solo 6 di questi passaggi è possibile interagire con chiunque in ogni parte della terra,  anche con il presidente Obama o con  Zhōnghuá Rénmín Gònghéguó Zhǔxí  Il presidente della Repubblica popolare cinese.

Linkedin Cerca di sfruttare i risultati di questa teoria e consente di condividere contatti fino al terzo livello di separazione. La piattaforma tiene traccia di “chi conosce chi” e fornisce un mezzo per connettere le persone sulla base di professionalità, esigenze ed interessi.

Bisogna dire pero’ che, avere semplicemente un account su LinkedIn non è abbastanza per raggiungere il proprio target e aggiungere valore al proprio business. Come ho scritto anche sul mio libro “Linkedin Marketing” avere un account non è una strategia. Un professionista, un free lance o un autonomo che vuole ottenere risultati  deve avere una strategia per collegarsi efficacemente con altri professionisti sul network.

Ed è proprio in questo che in molti commettono un errore di leggerezza e falliscono nell’utilizzare la piattaforma precludendosi opportunità di business.

LinkedIn, se usato in maniera corretta, con un atteggiamento orientato e con degli obiettivi chiari,  può aiutare i professionisti a generare contatti, incrementare la credibilità e la visibilità nella loro nicchia di mercato, comunicare più efficacemente  con la loro rete di contatti, e gestire la reputazione del loro brand.

Linkedin può offrire a tanti professionisti e free lance, non solo la possibilità’ di cercare ed individuare nuove opportunità  tra i propri contatti ma, anche attraverso i contatti dei loro contatti (fino al terzo livello di separazione) e frequentando i molteplici gruppi che si sono formati all’interno del network.

Per questo motivo un professionista, un free lance o un lavoratore autonomo, dovrebbe porsi come priorità quella di aggiungere almeno una nuova “connessione” al giorno. In modo tale da ampliare quanto più possibile lo spettro delle sue opportunità di business. Ma, non è necessario chiedere la connessione a chiunque per ampliare il proprio network. Chiedere la connessione a tanti può risultare fastidioso. Ecco quindi quattro semplici modi per generare contatti utili su linkedin. Queste sono  quattro “tecniche passive”, si basano sul presupposto di farsi notare per incuriosire e ricevere successivamente la comanda di connessione.

 

Aggiornare il proprio profilo regolarmente

Il modo principale per farsi notare è aggiornando il proprio “profilo”. Ricorda che, attraverso un sistema di notifiche, ogni volta che un’ informazione viene cambiata o aggiunta sul tuo profilo, quella stessa informazione viene propagata alla rete di persone connesse a te.

Ciò significa che, se hai curato bene la crescita del tuo network, una piccola aggiunta al tuo profilo, può raggiungere migliaia di persone in pochi minuti.

 

 

Partecipare ai gruppi di discussione

La partecipazione ai gruppi di discussione su linkedin è un modo veloce e poco invasivo di raggiungere potenziali clienti. Non solo l’entrata nei gruppi facilita la connessione con altre persone, ma rappresenta un ulteriore spazio per la propagazione di un messaggio ad altri professionisti con interessi simili.

Basta porre una domanda o stimolare la discussione in merito ad una considerazione a carattere professionale, per farsi notare. Se si evita di parlare di politica e si parla di questioni tecniche inerenti alla propria professione in tanti saranno incuriositi da noi e ci chiederanno di entrare in contatto con loro.

La Partecipazione ai gruppi per avere visibilità e generare contatti di persone interessate alla nostra professione è una cosa importantissima. Sia che si tratti di un gruppo di professionisti, o di un gruppo di marketing, o un gruppo di persone che amano lo sport, trovare gruppi che corrispondono al proprio target di riferimento fornisce un’ opportunità di promozione gratuita allo stesso modo di come potrebbe essere la frequentazione di un circolo sportivo o di associazioni nella vita reale. Un gruppo che ti consiglio vivamente di frequentare è il Self & Personal Marketing, gruppo di discussione in merito alle tecniche di marketing personale sia sulla piattaforma di LinkedIn sia in altri contesti.

 

Avere un profilo interessante

Il profilo di una persona, è un po come un biglietto da visita, dà la possibilità  di fare un’ ottima prima impressione con un nuovo contatto.  I profili più efficaci su LinkedIn sono quelli che condividono informazioni personali oltre che informazioni di lavoro.

Uno degli errori più diffusi tra gli utenti di LinkedIn è quello di non completarlo al 100% lasciando vuoti una serie di “campi”. E così navigando tra i profili si notano tante persone che non completano la parte relativa alle esperienze di lavoro non includono la descrizione delle loro responsabilità, o non specificano i progetti più grandi, i clienti più grandi con i quali  hanno avuto modo di lavorare. In molti non inseriscono foto appropriate alla tipologia di network inserendo foto poco professionali (quasi confondendo linkedin con facebook).

Assicurati di completare il tuo profilo fino al 100% e di inserire una foto che rappresenti la tua professionalità. Questo non solo aumenterà immediatamente la tua credibilità sul network e consentirà alle connessioni già in corso di riconoscerti meglio, quando intercettano il tuo profilo.

 

Uso delle Parole chiave

L’ utilizzo di parole chiave, proprio come  nell’ottimizzazione di siti web con Google o altri motori di ricerca, è il modo in cui ogni persona cerca un’altra sulla piattaforma. L’ utilizzo di termini specificamente industriali o relativi alla tua NICCHIA di MERCATO nella creazione di un profilo può fare la differenza tra l’ essere trovato e l’essere trascurato.

 

In conclusione, la forza di LinkedIn e di altri siti di social network sta nel sapere come usarli per massimizzare la visibilità e le opportunità di “fare rete”. LinkedIn fornisce una piattaforma di enorme valore per imprenditori e professionisti.

Sapere bene cosa offre il sito e come usarlo può rafforzare la posizione di un’azienda nella sua nicchia di mercato, migliorare la sua reputazione, ed in definitiva allargare i suoi orizzonti.

 

 

 

HEY ti è piaciuto questo articolo della serie “Guida Linkedin” ?

Condividilo anche su Linkedin con i tuoi contatti  Clicca su Share qui sotto e fallo leggere anche ai tuoi amici e colleghi

Risorse utili

Linkedin Marketing il libro Ancora non lo hai Letto ?
la guida Linkedin Marketing
Ti insegnerà come ottenere il massimo da Linkedin

Costruisci il tuo Brand
Trova nuove opportunità
Trova nuovi contatti commerciali e
domina il tuo mercato con linkedin

Commenta con Facebook

Discussion

  1. Vincenzo Vittoria

Scrivi nei commenti la tua opinione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.