Credi ancora alla legge di attrazione? ecco perché non funziona!

Rivelato il motivo per cui la legge di attrazione in salsa new age è una bufala totale!

Una delle Leggi universali più abusate e sfruttate dall’editoria del Self Help, dai vari guru della formazione americana a buon mercato è la “Legge di Attrazione“.

In realtà quella che sui libri new age  viene identificata come “legge di attrazione” è conosciuta già da secoli in occidente nelle differenti tradizioni e scuole iniziatiche come “Legge della creazione“.

Molti autori new age americani la confondono mostrando così una profonda ignoranza nei confronti della tradizione sapienziale e delle leggi della morale naturale.

L’ignoranza ormai è così grave che si è diffusa la convinzione che basti solo pensare ai propri desideri per farli magicamente realizzare nella nostra vita. “I pensieri diventano cose” è il mantra dei moderni apprendisti stregoni.

La legge di attrazione è la bufala della New Age

Bene se sei arrivato su questo articolo del mio blog, è perchè anche tu hai intuito che c‘è qualcosa che non va nelle affermazione dei guru americani che parlano di “Legge di Attrazione”.

Il processo di creazione non funziona come dicono i guru americani della new age. Non basta desiderare le cose e concentrarsi su di esse per ottenerle. Chi lo dice dovrebbe vergognarsi delle falsità che dice. Concentrarsi su un pensiero e desiderare costantemente sempre la stessa cosa provoca un unico effetto: Fa diventare le persone ossessive.

Per la New Age le sfide sono delle punizioni di Dio

Se bastasse pensare positivo per ottenere cose positive che senso avrebbero alcune delle sfide dolorose della vita come:

  • il fallimento,
  • la morte di una persona cara
  • una brutta malattia.

Secondo questi ciarlatani una grave malattia (anche mortale) sarebbe il risultato di un modo di pensare sbagliato. “Hai pensato negativo per questo ti è venuta!” dicono. Ma ti rendi conto della gravità di questo tipo di affermazioni? In questo modo alla malattia si aggiunge pure il senso di colpa.

Ascoltando questi FALSI maestri, le persone si chiedono “cosa ho sbagliato?” e considerano la malattia come una specie di punizione. Una punizione inviata da un Dio perfettino (oppure Universo come lo chiamano adesso) pronto a giudicare e condannare il minimo sbaglio (di pensiero). E poi vengono a criticare la chiesa sostenendo che è colpa del cattolicesimo se esiste il senso di colpa.

Ma la vogliamo finire? non ha alcun senso, e non appartiene a nessuna tradizione spirituale seria. Quando uso l’aggettivo “seria” intendo una tradizione spirituale che abbia superato almeno 100 anni di storia!

Nelle sfide è nascosto sempre un insegnamento

Qui non c’entra niente la “Legge di attrazione”. Invece di chiedersi “Cosa ho sbagliato?” è meglio chiedersi: “cosa devo imparare da questa esperienza?“; “La malattia, il lutto, il fallimento, cosa stanno cercando di insegnarmi e quale processo evolutivo mi spingono a compiere?“; “Quale è il mio prossimo livello di sviluppo e consapevolezza che devo raggiungere?“.

La vita non ci da solo quello che vogliamo e che ci impegniamo a raggiungere ma anche quello di cui abbiamo bisogno per crescere.

Leggi fino in fondo questo articolo e scoprirai come funziona REALMENTE il processo di creazione della nostra esperienza di vita.

In questo articolo ti svelo le leggi fondamentali della creazione

In questo articolo ti parlerò di :

  1. che cosa sono la “Legge di Attrazione” e la “Legge della creazione”,
  2. come funziona realmente il processo di creazione della nostra realtà e
  3. perchè la “Legge di Attrazione” (così come la conosci) non ha funzionato finora nella tua vita e non funzionerà mai.

Siediti comodo e continua a leggere! Prima di tutto scopriamo cosa dice REALMENTE la “Legge di Attrazione” secondo l’antica tradizione occidentale.

La legge di attrazione o legge della risonanza

Diciamo subito che la Legge di Attrazione non spiega il processo di creazione della realtà (come sostiene la New Age). La Legge di attrazione dice semplicemente che:

 “simile” attrae “simile”
mediante il meccanismo fisico naturale della risonanza

e per questo motivo si chiama dell’attrazione. Voglio che soffermi la tua attenzione su queste due parole della definizione che ho formulato : “fisico” e “naturale” .

La risonanza è una legge di natura

La risonanza è un principio SCIENTIFICO ben noto e facilmente osservabile in natura. Io l’ho studiato al terzo anno di liceo scientifico circa 28 anni fa, quindi non è una novità per nessuno (oserei dire che è quasi una banalità per quanto è nota).

Se prendiamo due strumenti a corde, due chitarre ad esempio (possiamo prendere anche 2 violini, 2 contrabbassi ecc.),  e si suona la 5 corda che produce la nota “La” su una delle due, anche la corda corrispondente alla nota “La”, presente sull’altro strumento, inizierà a vibrare da sola senza essere stata toccata, a patto che la corda sia stata precedentemente accordata per produrre la stessa nota! Quindi se le due chitarre sono accordate allo stesso modo vibrano all’unisono.

Questo fenomeno funziona anche con strumenti differenti, e su ottave differenti.

La risonanza con strumenti differenti

Quando ero adolescente suonavo la chitarra. Alla fine degli anni ’80 non esistevano gli accordatori elettronici e quindi, tutti noi che studiavamo chitarra,  eravamo costretti a battere un diapason di metallo su di una superficie rigida per farlo vibrare e contemporaneamente giravamo i chiavini presenti sul manico per tendere le corde, osservando il momento esatto in cui le corde iniziavano da sole a vibrare senza averle pizzicate.

La vibrazione del diapason di metallo creava delle onde fisiche che impattavano con le corde della chitarra ed al momento giusto queste cominciavano a muoversi spinte da qualcosa di invisibile.

La risonanza è qualcosa di estremamente tangibile.

Il fenomeno della “risonanza sonora” ad esempio, ha origine dal fatto che il suono si propaga attraverso le vibrazioni che vengono trasmesse prima all’aria circostante e poi, dall’aria alle corde. Come una mano invisibile la forza motrice si propaga fino alla corsa attraverso l’aria. E questo è un meccanismo fisico naturale che io trovo assolutamente fantastico! La natura è sempre molto poetica nelle sue manifestazioni.

Anche le nostre orecchie riescono a percepire i suoni grazie a questo fenomeno fisico della risonanza. Se non esistesse saremmo tutti sordi.

Riusciamo ad ascoltare e a distinguere i suoni perché le cellule ciliate presenti nel nostro orecchio sono “accordate” su specifiche frequenze. Quando uno strumento suona la nota corrispondente alla frequenza del “La”,  le cellule specifiche accordate su quella frequenza vibrano ed altre no.

La mancanza di alcuni gruppi di cellule non ci consente di ascoltare i suoni corrispondenti. Questo è anche il motivo per il quale l’orecchio umano non riesce a percepire la stessa gamma di suoni che riescono a percepire gli animali, come gli ultrasuoni.

Piccolo esperimento sulla legge di risonanza

Non c’è bisogno di andare in un laboratorio di fisica per fare questo tipo di esperimenti basta andare nel negozio di oggettistica per animali più vicino casa tua ed investire qualche euro.

Esistono sul mercato fischietti che per l’orecchio umano non emettono alcun suono, ma che i cani sentono benissimo. Prova a fare questo esperimento: usa uno di quei fischietti “muti” e osserva la reazione dei cani. E’ divertentissimo! Sembra quasi magico.

Le persone emettono ONDE di energia

Come gli studi della Fisica hanno dimostrato da molto tempo anche le persone emettono onde non solo sonore ma anche di energia. Il corpo umano è un grande campo elettromagnetico che scambia continuamente energia con l’ambiente circostante.

Ognuno di noi emette un potente campo elettromagnetico che, interagisce con l’ambiente circostante influenzandolo, ed è a sua volta influenzato dagli altri campi elettromagnetici circostanti.

Ecco perchè non è molto salutare vivere tutto il giorno sotto una antenna ripetitore del segnale dei cellulari. Il campo emesso da quelle antenne è notevolmente superiore al campo del nostro corpo e l’impatto può essere davvero devastante.

I nostri pensieri sono energia

Funziona così anche per la nostra mente. I nostri pensieri a livello biologico non sono altro che piccoli impulsi elettrochimici che si muovono nella rete neurale dell’individuo. Allo stesso modo dei suoni, anche i nostri pensieri, sono formati da onde di energia che a loro volta trasmettono la loro frequenza prima all’aria e poi alle persone che ci circondano. Proprio come quel diapason di metallo che usavo quando ero adolescente e suonavo la chitarra.

Cosa dice la Legge di Attrazione in definitiva?

La “legge di attrazione” dice semplicemente che nella nostra esperienza attraiamo persone, esperienze e cose che emettono vibrazioni simili alle nostre, cioè persone che sia a livello più superficiale sia a livello più profondo la pensano come noi. E questo è un fatto facilmente dimostrabile.

Persone che hanno pensieri, valori, e credenze simili si trovano d’accordo su molte cose. Nella vita ci sentiamo naturalmente attratti dalle persone che son simili a noi sia nel bene che nel male. “Chi si somiglia si piglia” dice un proverbio.

La Legge di attrazione è solo una piccola parte

Nel valutare la legge di attrazione non fare, quindi,  l’errore che commettono molti autori new age (che scrivono quasi solo robaccia) e non confonderla con il processo creativo.

La legge di attrazione è solo una piccola parte del processo di creazione e ci dice che attiriamo nella nostra esistenza quello che abbiamo dentro di noi.

Quindi se vuoi sapere quali sono i tuoi pensieri, le tue convinzioni dominanti, e sopratutto che tipo di persona sei, ti basterà vedere i tuoi risultati e la tua vita:

  • Le persone che ti circondano sono belle persone che ti amano per quello che sei?
  • Il tuo lavoro ti fa sentire abbastanza realizzato?
  • I tuoi clienti sono persone piacevoli o soggetti arcigni pronti a lamentarsi di te?

Se la risposta è negativa vuole dire che c’è qualcosa nel tuo modo di pensare che non va bene!

 

La Legge della Creazione

Veniamo adesso alla “Legge della Creazione” quella che normalmente viene confusa con la “legge di attrazione”. Questa legge ci dice semplicemente che :

siamo CO-CREATORI dell’esperienza di vita che facciamo e
il nostro contributo è quello maggioritario
.

Siamo noi a creare costantemente la nostra realtà e la nostra esperienza di vita attraverso un insieme di meccanismi perfettamente armonizzati tra loro.

Prima di parlartene, prima di raccontarti come funziona nel dettaglio questa “Legge della creazione“, permettimi di raccontarti una storiella che ho ascoltato da uno dei miei maestri.

Non saltare la storiella, ma LEGGILA.

La Storia del giardino della tua vita

Un giorno due genitori di una ricca famiglia, dovettero partire per un viaggio. La famiglia viveva in una villa circondata da un bellissimo giardino pieno di fiori che attiravano centinaia di farfalle al giorno e un frutteto i cui frutti sfamavano i membri della famiglia, i servi e gli animali domestici.

Prima di partire il padre affidò la cura della loro proprietà al figlio ancora adolescente dicendo “mi raccomando io e tua madre dobbiamo partire, sai quanto è importante per noi il giardino, quindi prendetene cura”. Il ragazzo rassicurò i genitori e li congedò dicendo “State tranquilli ogni giorno me ne prenderò cura”.

Al ritorno, dopo qualche settimana, i due genitori trovano il giardino completamente rinsecchito. Fiori e farfalle erano completamente spariti e gli alberi senza alcun segno di vita. A quel punto chiamarono il figlio e chiesero conto di cosa fosse successo: “non ti avevamo detto di prenderti cura del giardino?

All’udire la disapprovazione dei genitori il ragazzo scoppiò a piangere dicendo “lo giuro mi sono preso cura del giardino ma si è seccato lo stesso, ogni giorno ho abbracciato i tronchi, ho cantato ai fiori, ho accarezzato le foglie delle piante una ad una, ma si è seccato lo stesso”. Al che il padre: “ ma hai innaffiato le radici ?” e il ragazzo “no! me ne sono dimenticato!” .

Ecco perchè non riusciamo a vivere la vita che vogliamo

Questa favola è una metafora perfetta della condizione in cui spesso ci troviamo a condurre le nostre esistenze. La persona immatura si dedica all’esteriorità, a curare solo gli aspetti visibili delle cose (le foglie, i tronchi, i fiori) trascurando le cose invisibili ma più importanti (le radici), guarda i risultati dell’agire senza intuire quale sia il lavoro da fare per ottenere quei frutti.

In tanti si ripetono: “ho avuto questo”, “non ho avuto quest’altro”. Allo stesso modo di quel ragazzo adolescente concentrano la propria attenzione e passano il tempo a fare cose che hanno un immediato effetto tangibile, senza una prospettiva di medio e lungo termine: “Voglio la macchina nuova”, “Voglio una nuova relazione”, “beato a quello che ha questo e quello mentre io non ce l’ho”.

Non possiamo negarlo  tutti noi vorremmo raccogliere i frutti di un giardino e contemplare il volo delle farfalle, ma se non abbiamo curato la nostra interiorità, non ci saranno fiori su cui le farfalle possano appoggiarsi.

Fintanto che non lavoriamo nel profondo è come se catturassimo le farfalle con un retino per poi incatenarle al nostro giardino rinsecchito. Come tutti sanno le farfalle vivono un solo giorno e se non sono rimpiazzate da altre che arrivano spontaneamente, all’indomani il giardino resterà privo di vita. Allo stesso modo i risultati raggiunti senza cambiare nulla di noi stessi e ottenuti solo con l’esercizio della forza di volontà durano ben poco.

Fare meditazioni, visualizzazioni, definire obiettivi, seguire un coach, ci farà raggiungere l’obiettivo per un po’ di tempo ma NON ci farà realizzare un cambiamento durevole. Ti ripeto è come se volessimo portare con la forza le farfalle a popolare un giardino senza vita.

Ecco perché la “legge di attrazione non funziona”. O meglio non funziona così come la racconta la New Age. Perché nel medio e lungo termine quello che tu attiri nella tua esperienza di vita è il riflesso della tua interiorità, del tuo essere, e non dei tuoi tanti desideri egoistici e capricci infantili.

La “Legge della Creazione” ci dice che noi creiamo la nostra realtà attraverso 5 leggi che identificano altrettanti 5 meccanismi definiti:

  • Attrazione ( o della risonanza ) di cui ti ho già parlato;
  • Semina conosciuta anche come la legge di causa ed effetto (di cui ho scritto già in questo articolo);
  • Crescita : “la vita ci da quello di cui abbiamo maggiormente bisogno per crescere”.
  • Abbondanza che possiamo sintetizzare con questa frase  quanto più investi, quanto più dai più raccoglierai.
  • Libertà (di cui ho scritto in questo articolo)

Ricapitolando

Ricapitolando adesso ti dovrebbe essere chiaro che:

  1. quello che molti autori chiamo “Legge di Attrazione” in realtà è conosciuta dalla tradizione come “Legge della Creazione”
  2. La “Legge della creazione” non risponde ai nostri avidi desideri o a quello cui ci sforziamo di ottenere ma alla nostra vibrazione dominante. In altre parole la Legge  risponde a 5 fattori : pensieri più frequenti (le nostre convinzioni, gli atteggiamenti che mostriamo nei confronti della vita), le sfide che ci serviranno per crescere ulteriormente, quello che abbiamo seminato in passato e quello che abbiamo deciso di seminare oggi. Ecco perché dico che per ottenere cose migliori bisogna diventare persone migliori.
  3. La “Legge di Creazione” risponde alla nostra personalità che siamo riusciti a costruire cioè al livello di consapevolezza, di morale, eticità e di collaborazione che abbiamo con il resto del mondo.
  4. Non serve a niente mettersi a sedere e visualizzare una bella macchina nuova. Serve molto di più chiedersi : “come posso essere una persona migliore?”, “come posso fare per dare qualcosa di me stesso alle altre persone?“, “quale è il dono che porto al mondo?“, “cosa posso fare per celebrare la bellezza della vita con il mio lavoro?“.

Ricorda se vuoi diventare una persona di successo e circondarti di persone di successo, la prima cosa è chiedersi : “come faccio ad essere una persona migliore?”.

Scopri come attivare la Legge della Creazione

Parlo di questo e di altre cose nel mio nuovo Libro  “Le 7 Virtù per il successo e la felicità; il modello di sviluppo personale dell’antica tradizione occidentale“. Mi piace sottolineare il fatto che il mio libro non ha nulla a che fare con la solita roba new age che trovi un po’ dappertutto nelle librerie, e negli autogrill.

Questo modello non è una mia invenzione ma appartiene ad una tradizione culturale lunga 2500 anni e per questo che io ho solo riscoperto e per primo l’ho trasformata in una proposta formativa alla portata di TUTTI.

Il modello delle virtù è un modello che pone l’attenzione proprio su tutto questo: lavorare sul senso di sé, lavorare alla edificazione della versione migliore di se stessi.

Per approfondire puoi scaricare GRATUITAMENTE il Capitolo Perduto da qui www.le7virtu.it/capitolo-perduto/

 

Conclusione

Oggi ti ho parlato della “Legge di Attrazione” e della “Legge della Creazione” . Ti ho spiegato il meccanismo della risonanza e i 5 meccanismi che influiscono sul processo di creazione della nostra realtà.

Tu che esperienza hai in merito? ti sei incontrato/scontrato in qualche modo nella vita con la legge di attrazione?

Fammelo sapere lasciando un messaggio nella sezione commenti.

 

 

Sviluppa la tua unicità,
raggiungi il tuo stile di vita ideale
e sii felice

 

 

Commenta con Facebook

Discussion

  1. Roberta
    • lucianocassese
  2. silvana
    • lucianocassese

Scrivi nei commenti la tua opinione

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.